La raccolta delle uve glera è terminata a metà settembre e il percorso d’eccellenza per la produzione del millesimo 2017 è appena giunto a una tappa fondamentale: la fine della fermentazione alcoolica del vino base.

Il momento più importante in vigna per la famiglia Dal Bianco è la vendemmia. Ma le emozioni che scaturiscono dalla bellezza dei colori dei vigneti - soprattutto nell'area storica del Conegliano Valdobbiadene - al culmine del loro sviluppo produttivo e dal lavoro sartoriale garantito da un disciplinare attento a salvaguardare l’integrità organolettica con il rispetto dei tempi di raccolta, sono soltanto un romantico anticipo dei momenti in cui in cantina "si fa" il vino, in questo caso il Prosecco Superiore.

Ad Ogliano, Masottina, dopo una ricerca costante sulle tecnologie produttive in grado di preservare il territorio riducendo il consumo energetico e di salvaguardare, al tempo stesso, una materia prima pregiata per ottenere vini di qualità superiore, ha istillato il proprio cuore produttivo. Nella struttura ipogea, il processo produttivo è guidato dal principio della caduta gravitazionale, il migliore possibile per rispettare il profilo organolettico delle uve appena vendemmiate ed esaltarne l’integrità in un calice di Prosecco Superiore Masottina.

La raccolta delle uve glera del millesimo 2017 è terminata a metà settembre. La vendemmia quest’anno ha avuto un anticipo di circa dieci giorni rispetto all’annata precedente.

In cantina sono arrivate meno uve rispetto al 2016 ma tutte di grande pregio. Dopo una prima selezione effettuata già in vigna, le singole partite di glera hanno subìto un’ulteriore selezione a mano prima di essere portate in vinificazione con l’obiettivo di preservare la loro integrità organolettica.

La caduta gravitazionale gioca un ruolo determinante in questo percorso d’eccellenza: infatti, non appena le uve sono raccolte per caduta all’interno delle presse a riposo, la forza di gravità sprigiona la sua straordinaria energia generando lo schiacciamento naturale degli acini. E’ così che nasce il "Mosto Nobile", in inglese il " Free Run Juice", un nettare di purezza impareggiabile ottenuto senza alcuna pressatura meccanica, uno tra segreti produttivi con cui la famiglia Dal Bianco ha saputo ulteriormente esaltare i sentori del vino italiano più bevuto al mondo, il Prosecco.

Per il millesimo 2017 si è appena completata una fase molto importante: la fermentazione alcolica del mosto nobile a temperatura controllata che è appena diventato vino base. Dopo un periodo di sosta di 60/90 giorni nei serbatoi d’acciaio, sarà pronto per essere immesso in autoclave ed iniziare il processo di spumantizzazione che si completerà in 40/50 giorni per i prosecco DOC, 60/90 giorni per i Prosecco Superiore Docg, almeno 90 giorni per i Cru Rive di Ogliano Prosecco Superiore Docg.