Nel cuore della strada del Prosecco, il prosecco superiore a firma Masottina incontra ancora una volta i sapori freschi e genuini della Locanda da Lino

Nella microzona di Ogliano, una delle 43 Rive dell’area storica del Conegliano Valdobbiadene, avviene qualcosa di speciale: in questa parte del Veneto il processo di spumantizzazione raggiunge una delle sue vette più alte con il Prosecco Superiore DOCG. La famiglia Dal Bianco è interprete e custode di questa tradizione e in questi meravigliosi declivi coltiva, in un single vineyard, le uve Glera che danno vita ad una delle sue bottiglie più pregiate: le Rive di Ogliano Extra Dry. Questo Prosecco Superiore, anche al degustatore meno accorto, dona a ogni sorso l’impressione di essere stato letteralmente tessuto a mano, figlio di una scuola artigiana che valica epoche e generazioni e che, come un’opera d’arte poetica e commovente, è capace di toccare le corde del cuore.

Eclettico e versatile per natura, Le Rive di Ogliano Extra Dry si accosta al cibo con l'eleganza e la sontuosità di un privilegio assoluto;

non c'è esitazione alcuna nel sentirlo limpido e soave, figlio prediletto di un territorio esclusivo che è pura sinfonia minerale. Per questo, si sposa perfettamente con la cucina di chi, attraverso i fornelli, si è reso interprete di un’altra, straordinaria tradizione di queste sponde, quella gastronomica: a Solighetto, la Locanda da Lino il richiamo ai sapori antichi e genuini non ha fermato la voglia di sperimentare, dando vita a risultati eccezionali in grado di stupire sempre il palato.

Stappiamo allora una bottiglia del Prosecco Superiore Docg di Masottina, alziamo i calici, lasciamoci solleticare dalle bollicine e attendiamo il piatto: Sautè di calamari, gamberi rossi, scampi e capesante con verdurine di contorno, sapori freschi ed estivi da gustare col sorriso. D’altronde, sorridere, quando si mangia e beve bene, oltre che inevitabile, è un preciso dovere.