Il re degli aperitivi italiani è in realtà un vino versatile ed elegante, carico di freschezza e capace di accompagnare tutto il pasto

I tavolini dei bar nelle piazze cariche di splendore architettonico; i colori e la freschezza frenetica delle estati lungo le riviere;  l'eleganza antica dei centri storici dove una sola passeggiata si traduce in un piccolo viaggio nel tempo; la ricercatezza delle vetrine delle grandi firme della moda che si integra con la bontà genuina di quelle tradizioni gastronomiche e vinicole che nascono nelle case e arrivano fino alle celebri tavole stellate. Dalle luci ai sapori, dal particolare al generale, le ragioni dell'iconicità dell'italian lifestyle sono così numerose che è difficile trarne una sintesi d'insieme. Tuttavia, in questa landa di bellezza e buon gusto, alcuni punti fermi sono subito individuabili.

Tra questi, illuminato dai riflettori dell'attenzione nazionale e internazionale, c'è certamente il Prosecco Superiore ,

vera e propria specialità artigianale di una delle aree più produttive e qualitativamente d'élite d'Italia: le colline di Conegliano e Valdobbiadene. Diventato talmente celebre da essersi guadagnato il titolo di "re degli aperitivi", il Prosecco deve il suo successo alla grande leggerezza e freschezza che lo rendono adatto a tipologie di consumo molto diverse; una versatilità unica, che rompe i vincoli col concetto di 'vino da aperitivo' e lo rende perfetto a tutto pasto. Uno spumante seducente però, che non va preso sotto gamba, ma degustato con cura: va servito solo, mai miscelato, e il segreto dell'abbinamento è saper coniugare la sua personalità elegante con preparazioni che, grazie a cotture non invasive, facciano emergere le materie prime, i loro sapori e profumi originali. Masottina, produce questa perla dell'enologia italiana nelle versioni Brut ed Extra Dry, e migliori abbinamenti, nel corso delle prossime settimane, saranno svelati attraverso i piatti di alcuni dei migliori ristoranti dell'aerea storica del Conegliano Valdobbiadene. La versione Brut, si distingue per essere certamente quella più apprezzata dal pubblico internazionale, grazie ai suoi intensi sentori di agrumi, alle straordinarie note speziate e al perlage che assicura una grande pulizia del palato. L'Extra Dry combina secondo tradizione aromaticità e sapidità, ed è ancor più fruttata, con vivide note di frutti a polpa bianca che si chiudono in un concerto di nuance floreali.